If you like it, please:
Tweet

My reference Blog: Andrea Costa
Facebook:Andrea Costa

EXPLORE: Nov 9, 2009 #105

Info photo: Antique book – Starý královský palác

Retouching and paint: NO
Postprocessing RAW: Saturation, virance and vignette


Thanks for:
A Place For Great Photographers
Deserves A Second Look 21st February 2010
www.flickr.com/groups/1248835@N24/discuss/72157623356662695/

Thanks for:
Breathing Books
HOMEPAGE
breathingbooks.tumblr.com/

Particolare degli antichi libri contenuti in una sala del palazzo

L’antico palazzo reale, Starý královský palác, era sede dei principi e re di Boemia dall’XI al XVI secolo. Rimasti per gran parte non ammobiliati e inutilizzati per gli ultimi trecento anni, il palazzo reale è una stratificazione di appartamenti reali, costruiti dalle varie generazioni che si sono susseguite. Originalmente, dove ora sorgono le cantine del palazzo, era situato il palazzo romantico di Sobieslao I; successivamente, Carlo IV vi ci costruì sopra i suoi appartamenti in stile gotico. Oggi è possibile entrare al terzo e all’ultimo piano, entrambi costruiti alla fine del Quattrocento.
Nominato architetto di corte da Vladislao Jagellone, Benedikt Ried fu l’ideatore della Sala Vladislao, situata subito dopo l’anticamera. Presenta una volta a crociera che disegna motivi floreali sul soffitto, in cui i petali raggiungono quasi il pavimento. In questa stanza furono eletti i primi monarchi boemi ed il giuramento dei vari presidenti susseguitisi dal 1918 fu prestato qui. Molteplici utilizzi sono stati dati a questa stanza, utilizzata nel medioevo anche per banchetti e tornei, il che spiega la scalinata dei Cavalieri situata sull’ala nord attualmente adibita ad uscita. Sulla destra del salone, in fondo, c’è una terrazza panoramica esterna dalla quale si può godere di una magnifica vista su Praga.
Una delle stanze raggiungibili attraversando l’ala Ludvìk è la Cancelleria della Boemia teatro della seconda defenestrazione di Praga. Il 23 maggio 1618, un gruppo di oltre cento nobili protestanti guidati da Thurn, marciarono alla volta della cancelleria per un chiarimento con Vilém Slavata e Martinic, governatori cattolici nominati da Ferdinando. Dopo una violenta discussione, i due furono scaraventati già dalla finestra. Ci sono pareri discordanti riguardo la finestra esatta dalla quale furono gettati i due anche se generalmente si dice che sopravvissero per poter raccontare la storia ed accelerare quindi l’inizio della guerra dei Trent’anni tra cattolici e protestanti.
Consigliate sono le stanze gotiche e romantiche situate nelle sale inferiori del palazzo. Anche se spoglie mostrano come il palazzo si sia “evoluto” nel tempo. Richiamano l’attenzione i vari busti della bottega di Peter Parler tra i quali un notevole autoritratto dell’architetto.

Andrea Costa Photography – Please don’t use this image on websites, blogs or other media without my explicit permission. © All rights reserved
TWITTER: twitter.com/AC_TheArt